Intanto la Maccaferri si converte alla produzione civile e, con palificate e reti metal liche, realizza un piccolo miracolo dell’ingegno italiano. Si fabbricano ora i cancelli componibili “Magliana”. La vendita avviene per catalogo, con tre soli prodotti-ba se: il recinto, il paletto e il cancello. Il recinto è una rete di maglia metallica, soste nuta da quattro diversi tipi di paletto: normale, testata, angolare e rompitratta. Il cancello è una rete di maglia montata su un telaio sostenuto da colonne tubolari, disponibile in tre tipi: cancellino pedonale, cancello carrabile e cancellata.

Per effettuare l’acquisto basta spedire per posta alla Maccaferri il formulario stampato in fondo al catalogo, indicando prodotti, quantità e metraggio. Tut to l’occorrente arriva smontato e impacchettato ― come un moderno prodotto dell’Ikea ― e raggiunge via tr e ogni parte d’Italia e delle colonie. Un agente va di persona a riscuotere il pagamento, con possibilità di dilazioni a un tasso del 6% annuo. All’acquirente non rimane che montare da sé la recinzione intorno al suo giardino e godersi il ritorno a casa: la guerra è finita.

Qualcosa però, nell’ampliamento della borgata, va storto. Un’indagine mini steriale appura che otto fabbricati non sono stati realizzati a regola d’arte. Il cantiere si ferma

Gaetano Maccaferri si offre di subentrare nel completamento della borgata, de stinando i nuovi alloggi agli operai della sua fonderia. La trattativa va in porto: Maccaferri stipula con la marchesa un contratto di affitto sulla tenuta e nel

ma       1923 ottiene a suo nome un cospicuo finanziamento di lire 406.700 per

portare a termine i lavori.


(aggiornato il 24 Giugno 2021)


È il curatore di questo portale. Fa di tutto un po’: scrive, mette on line e cerca nuove idee.