Video

Video

La Porta Trigemina e il tempio della dea Fortuna

video
Risuonano ora i tamburi di guerra: i Romani si mettono in marcia lungo quei 16 chilometri che separano Roma da Veio. Veio è uguale e opposta a Roma: non c’è spazio per entrambe nella valle del Tevere. La macchina della guerra è avviata e sarà un nuovo re, Anco Marzio, a metterla in azione. La leggenda ora...

Al tempo delle guerre puniche: la masseria del Torcularium

video
Una nuova nemica impegna adesso i Romani: Cartagine. La vittoria definitiva del 146 a.C. consegna a Roma territori immensi: a sud Sicilia e Africa; a est Macedonia e Grecia; a nord-ovest Gallia Cisalpina e Spagna. Con la vittoria la popolazione urbana cresce e le ville rustiche devono trasformarsi in efficienti macchine agricole, per soddisfare...

La dea senza nome della luce solare e delle messi mature

video
Segue un tempo tranquillo e senza guerre, di cui Roma approfitta per darsi le prime regole. Le azioni umane sono ora scandite da un nuovo calendario, suddiviso in giorni fasti, buoni per lavorare, e nefasti, in cui è meglio riposare. Gli Arvali governano il tempo e l’agricoltura, battono il ritmo del lavoro dei campi....

Romolo e i Fratres Arvales: la fondazione di Roma

video
Un istante dopo che Romolo ha scavato il solco invalicabile, il pomerium, si consuma la tragedia. Remo, livido di gelosia, balza armato oltre la fenditura. Scoppia il parapiglia: Faustolo accorre per placare gli animi e viene trafitto da Remo; in risposta Romolo uccide il fratello. Un parricidio e un fratricidio: Roma nasce così, con un solco colmo...

I Latini, il Foro Boario e il Tempio di Ercole

video
Attraversato il fiume all’Isola Tiberina, il tratturo del sale prosegue ancora, verso l’interno: i latini daranno a questa percorrenza il nome di Via Salaria. Gli studiosi, tuttavia, considerano il Battuto Campano (etrusco) e la Via Salaria (latina-italica) un’unica percorrenza funzionale, e hanno coniato il nome complessivo di Asse viario Salaro-Campano. A...

I primi abitatori delle paludi saline

video
A partire dal X secolo a.C. si affacciano sul territorio altre culture progredite: quella dai caratteri villanoviani sulla riva destra del Tevere e, sul versante opposto, quella proto-latina originaria dei Colli Albani. Sono due culture molto diverse: nella prima sgomita e si fa largo un nuovo attore sociale, il mercante; nella seconda domina, per...

A Montecucco, sulle tracce di un villaggio dell’Età del bronzo

video
Facciamo un passo in avanti e arriviamo alla fine dell’Età del rame (2300 a.C.). Di mammiferi da cacciare ne sono rimasti pochi e il Sapiens deve aguzzare l’ingegno e inventarsi qualcos’altro per sopravvivere. Lo fa compiendo la prima delle grandi rivoluzioni della Storia: giorno dopo giorno impara l’agricoltura, addomestica gli animali, sceglie di vivere in comunità stanziali.

Il Sapiens della Muratella: un guerriero dell’Età del rame

video
I Sapiens bivaccano in accampamenti temporanei di capanne di legno, che talvolta lasciano segni sul suolo fangoso: gli archeologi ne cercano le tracce alla Magliana sin dal 1981, anno in cui si svolge un’indagine su una duna costiera in località Ponte Malnome, vecchia di almeno 35.000 anni. Le dune devono apparire agli occhi dei Sapiens come isole...

Gli erbivori giganti della Valle Galeria

video
A bordo del fiume è possibile incontrare le species antiquæ del Pleistocene medio-inferiore, l’ultima fauna preistorica prima dell’affermazione di quella attuale. Si tratta di grandi bestioni, assai simili nell’aspetto agli animali di oggi, ma di dimensioni maggiori. Tra questi la fa da padrone il megaloceronte (Megaloceros Savini), un cervo gigante alto due metri al...

MOST POPULAR

HOT NEWS