Ho inaugurato il blog con l’annuncio dell’imminente chiusura lavori del sottopasso ferroviario di via Portuense in questo mese di dicembre 2016. Purtroppo la chiusura slitterà ulteriormente.

Di ieri l’aggiornamento dell’assessore alle Politiche ambientali e lavori pubblici Giacomo Giujusa: “C’è in corso la modifica di un passante di cavi Acea, inoltre è stato trovato un cavidotto Wind non segnalato alla Soprintendenza che va spinto a maggiore profondità, compatibilmente con i reperti archeologici sottostanti. Wind prevede di effettuare i lavori entro le festività. Sia Wind che Acea stanno selezionando con la Soprintendenza archeologi adatti alla delicatezza del sito per la supervisione dei lavori di scavo. Stiamo premendo affinché la tempistica di queste fasi si restringa al minimo, anche perché i lavori rimanenti sono pochi. Dovrebbe essere sufficiente qualche settimana in più”.

Oramai i lavori sono praticamente completati, quindi questo è solo un piccolo slittamento che sì, sommandosi ai tanti ritardi, non piace. Ma oramai ci siamo! Vorrà dire che si inaugurerà prima il nuovo mercato di Vigna Pia? Entrambe le opere sono un traguardo importante per la riqualificazione del nostro quartiere, certo il 2017 sarà un anno da ricordare.

E su Facebook  è ancora un gran parlare e discutere di questo ‘ponticello’, tra post e commenti. In molti si preoccupano dei ritardi, ma soprattutto del parcheggio che, pur facendo parte dell’area di cantiere, risultava stranamente aperto. E, pur avendo un unico ingresso, che funge anche da uscita, viene utilizzato da tutti. Si è svolta in settimana anche una Commissione Trasparenza, durante la quale è stato evidenziato l’utilizzo improprio del parcheggio e la pericolosità che ne deriva. Molti cittadini sono intervenuti anche in sede di commissione per richiedere un maggiore controllo, tra questi sempre presente in prima linea il Comitato Vigna Pia. Ne è emerso che i cittadini e clienti delle attività commerciali dovranno pazientare ancora per poterne usufruire, poiché si deve attendere il collaudo dell’area.

Rimaniamo dunque in attesa che si concludano i lavori, per avere un autobus, una viabilità migliore, per aprire un parcheggio, per valorizzare l’area archeologica e per restituire dignità al quartiere! E speriamo che il prossimo aggiornamento sia dell’inaugurazione!

foto di Riccardo Migliaccio

SHARE