Nell’anno 1074, nel Fundus Manlianus, viene edificata una nuova chiesina, in titolata a Sanctus Johannis de Maliana. Ricaviamo questa informazione da un atto di concessione del tempo di Papa Gregorio VII, che affida il Fundus Manlianus al monastero di San Paolo fuori le Mura.

Ci portiamo così alle soglie del XII secolo, un secolo di radicale oscurantismo. È il tempo della prima crociata, contro gli infedeli che occupano la Terra Santa. Papa Urbano II benedice i soldati (1095) e assicura loro che, morendo in battaglia, avranno la remissione plenaria di ogni peccato e l’accesso diretto in paradiso. Gerusalemme viene liberata nel sangue: è un massacro nel nome di Dio. Deus vult, Dio lo vuole.

Sul finire del secolo il Fundus Manlianus passa ai monaci benedettini, che a loro volta girano la proprietà al monastero di Santa Cecilia in Trastevere. Da documenti del tempo emerge che accanto alla chiesina di San Giovanni è ora sorto un nuovo edificio, il Casale Sanctæ Cæciliæ. L’edificio si ingrandisce, fino a diventare un palazzo dall’aspetto urbano, nel bel mezzo della campagna: il Palatium Sancti Johannis de Manliana.


(aggiornato il 23 Luglio 2021)


È il curatore di questo portale. Fa di tutto un po’: scrive, mette on line e cerca nuove idee.