A Montecucco, sulle tracce di un villaggio dell’Età del bronzo

Facciamo un passo in avanti e arriviamo alla fine dell’Età del rame (2300 a.C.). Di mammiferi da cacciare ne sono rimasti pochi e il Sapiens deve aguzzare l’ingegno e inventarsi qualcos’altro per sopravvivere. Lo fa compiendo la prima delle grandi rivoluzioni della Storia: giorno dopo giorno impara l’agricoltura, addomestica gli animali, sceglie...

Esodo dalla Marsica: il terremoto e la nascita della Borgata Petrelli

Spostiamoci di un centinaio di chilometri da Roma. È il 13 gennaio 1915, sono esattamente le ore 7,52 del mattino. Un sisma...

La Vaccheria Bianchi e la Vigna Balzani

Riprendiamo il racconto. 1870, l’Italia è unita. Roma diviene la nuova capitale. Molte cose di qui a breve cambieranno, anche nelle lande...

Sacrifici umani lungo la Via Campana?

Nel 390 a.C. calano da nord i Celti, inattesi e rapidissimi. Prendono Roma senza darle il tempo di comprendere, né di reagire. È uno shock. Si consuma l’umiliazione del saccheggio. Poi, così come sono venuti, i Celti se ne vanno, lasciando la città alle fiamme. Nell’aria irrespirabile di fuliggine i senatori preparano...

MONTEVERDE

Intorno Portus: Necropoli di Malnome e Acquedotto Portuense

Parliamo di alcuni ritrovamenti nel circondario dei Porti imperiali. Siamo nell’estate 2006, la Guardia di Finanza di Fiumicino irrompe...

La morte di Acerronia. Riapriamo un cold case

È il momento di mettere da parte le certezze della Storia, per sviluppare un’ipotesi di studio. Stiamo cercando, sulla moderna via Portuense,...

Portunus, il ragazzo sul delfino (il ninfeo di Pietra Papa)

Arriva il tempo di Adriano (117-138), l’epoca della massima felicità dell’Impero. Adriano prosegue il rinnovamento dell’Urbe, e le attenzioni si allargano ora anche al circondario, con ville suburbane sontuose, come la Villa Adriana di Tivoli. Le élite patrizie si sfidano in una competizione del lusso sfrenato, a suon di...

“Enos Lases iuvate” (il canto degli Arvali)

Di braciola in braciola, le processioni si spostano nel circondario romano e vanno avanti per tutta l’estate e l’autunno. Il passaggio degli...

“Giacché Dio ci ha dato il papato, godiamocelo!”

Si apre il conclave. La famiglia fiorentina dei Medici ha comprato per tempo i voti dei cardinali, in favore del trentasettenne Giovanni...

Sacrifici umani lungo la Via Campana?

Nel 390 a.C. calano da nord i Celti, inattesi e rapidissimi. Prendono Roma senza darle il tempo di comprendere, né di reagire. È uno shock. Si consuma l’umiliazione del saccheggio. Poi, così come sono venuti, i Celti se ne vanno, lasciando la città alle fiamme. Nell’aria irrespirabile di fuliggine i senatori preparano...