Non c’è più religione

0
47

Secon­da set­ti­ma­na al top d’incassi per Sul­ly (ve ne abbia­mo par­la­to in que­sto arti­co­lo). Entra al 2° posto la com­me­dia nata­li­zia Non c’è più reli­gio­ne, segui­ta da Un Nata­le al Sud (3°), Ani­ma­li fan­ta­sti­ci e dove tro­var­li (4°) e Una vita da gat­to (5°) (rile­va­zio­ni Coming­soon-Cine­tel). Sci­vo­la al 14° posto La cena di Nata­le (vedi arti­co­lo).

Il film che vi pro­po­nia­mo per que­sto week-end è “Non c’è più reli­gio­ne”, regia di Luca Minie­ro con Clau­dio Bisio, Ales­san­dro Gass­mann, Ange­la Finoc­chia­ro e Nabi­ha Akka­ri. In pro­gram­ma­zio­ne al The Spa­ce Par­co de’ Medi­ci (veri­fi­ca orari/​biglietti), all’UCI Cine­mas Par­co Leo­nar­do (orari/​biglietti), all’Ambas­sa­de, Cine­land, Madi­son, Stur­du­st Vil­la­gealtre sale.

Una pic­co­la iso­la del Medi­ter­ra­neo e un pre­se­pe viven­te da rea­liz­za­re come ogni anno per cele­bra­re il Nata­le. Pur­trop­po quest’anno il Gesù Bam­bi­no tito­la­re è cre­sciu­to: ha bar­ba e bru­fo­li da ado­le­scen­te e nel­la cul­la non ci sta pro­prio. A Por­to Buio però non nasco­no più bam­bi­ni da un pez­zo ma biso­gna tro­var­ne un altro a tut­ti i costi: la tra­di­zio­ne del pre­se­pe è infat­ti l’unica “resi­sten­za per non scom­pa­ri­re”. Il sin­da­co Cec­co, fre­sco di nomi­na, vor­reb­be chie­der­ne uno in pre­sti­to ai tuni­si­ni che vivo­no sull’isola: pec­ca­to che fra le due comu­ni­tà non cor­ra buon san­gue. Ad aiu­tar­lo nell’impresa due ami­ci di vec­chia data: Bilal, al seco­lo Mariet­to, ita­lia­no con­ver­ti­to all’Islam e gui­da dei tuni­si­ni, e Suor Mar­ta, che non ne vuo­le sape­re di “pro­fa­na­re” la cul­la di Gesù. I tre si ritro­ve­ran­no uno con­tro l’altro, usan­do la scu­sa del­la reli­gio­ne per sal­da­re i con­ti con il pro­prio pas­sa­to. Un lama al posto del bue, un Gesù musul­ma­no e un rama­dan cri­stia­no, una chie­sa divi­sa in due e una madon­na bud­di­sta: un pre­se­pe viven­te così non si vede­va da 2000 anni nel­la pic­co­la iso­la di Por­to Buio!