La Commissione municipale Mobilità ha discusso oggi della linea bus 128 in zona Muratella, che da qualche tempo fa una deviazione sulla rimessa Atac di via Candoni, provocando ritardi giudicati inammissibili dai residenti del quartiere. Abbiamo chiesto al consigliere Marco Zuccalà (M5S), presidente della Commissione, di spiegarci le cause e soprattutto le possibili soluzioni.

“Il bus 128 è la linea-cardine della mobilità per gli abitanti di Muratella. È proprio attraverso il 128 che si riesce a coprire quella parte di territorio, continuando oltre su tutto il quadrante Magliana-Pian Due torri, fino ad arrivare alla Stazione San Paolo della Metro B. Spesso i ritardi sono causati, oltre che dal traffico, anche da una deviazione dei mezzi su via Luigi Candoni. Al vaglio della Commissione Mobilità c’è lo studio di linee di percorrenza dedicate e alternative, magari anche in prossimità dell’ingresso della rimessa Atac, evitando così la deviazione del 128 in via Candoni. La responsabilità di amministrare questo vasto territorio ci obbliga a metterci dalla parte di tutti i cittadini: lavoratori Atac e abitanti del quartiere. Ora, questa deviazione, che all’azienda costerebbe 250.000 euro l’anno e punte di rallentamento in media di 20 minuti sull’intero percorso e per tutte le fermate, permette agli autisti di raggiungere la rimessa per i cambi-turno: ricordo come all’interno della stessa vi sia un asilo aziendale e questa modalità ‘non proprio autorizzata’ consente a coloro che smontano di poter arrivare in tempo utile per l’uscita dei loro figli. È questa la condizione che determina quindi il disservizio, che, se risolto, causerebbe allo stesso modo uno svantaggio per i lavoratori dell’Atac. Nel frattempo l’azienda ha richiesto la regolarizzazione della deviazione, provvedimento che il Dipartimento per la Mobilità di Roma Capitale invece ha negato. Il nostro intento è quello di comprendere la situazione a livello generale, perché capiamo l’importanza di un mezzo che serve le esigenze degli operatori, ma capiamo anche l’importanza della linea e i disagi che ogni piccolo cambiamento consegue per gli utenti”.

“La soluzione che stiamo portando avanti ­– conclude Zuccalà – è appunto quella di studiare delle linee di percorrenza dedicate e alternative, magari anche in prossimità dell’ingresso dell’asilo o della stessa rimessa, cercando di conciliare un po’ tutte le esigenze. Esigenze di convenienza economica, certo, ma soprattutto di servizio. Perché è chiaro come vi siano due interessi in conflitto, e che questo non debba determinare uno scontro tra cittadini. È per questo che la commissione si riunirà ancora”.

Nello stesso quadrante il consigliere Daniele Catalano (FdI) segnala un’altra criticità, relativa alla mancanza di parcheggi di scambio con la Stazione Muratella della ferrovia FL1.

“Sono giorni che oramai ricevo segnalazioni e legittime lamentele da parte di tantissimi cittadini che ogni giorno per raggiungere il proprio posto di lavoro usano la Stazione del treno Muratella, invece che usare la propria auto”, dice Catalano. “La stazione, come è noto, ha un problema parcheggio non indifferente, che ormai va avanti da tantissimo tempo. I residenti sono costretti infatti a parcheggiare la propria auto lungo via della Magliana, dove un tempo c’era un canneto. Da alcuni giorni la Polizia municipale ha preso di mira la stazione, multando a più non posso tutte le macchine posteggiate in quel modo. Tuttavia la colpa di questo comportamento non è né dei cittadini né dei vigili, i quali assolvono al loro compito, bensì delle varie amministrazioni municipali e comunali che non hanno mai risolto l’annoso problema, ideando una vera area parcheggio”.

“Depositeremo una mozione in Consiglio municipale per richiedere con la massima urgenza la creazione di quest’area parcheggio, perché tutti i fruitori della stazione non possono vivere con la paura di prendere una multa. Anzi, essi andrebbero tutelati ancor di più, visto che scelgono quotidianamente di viaggiare con i mezzi pubblici invece di intasare ulteriormente il traffico romano”.

Image Credits: Google Maps