È un insegnante di italiano della media Di Giacomo, ma anche giornalista e poeta, Sandro Onofri (1955-1999) ― a gridare al mondo che “la Magliana non è il Bronx”. E almeno “il Bronx gli ospedali, i centri sportivi e i teatri ce li ha”, dice Onofri. Alla Magliana invece “nessuno ha mai pensato di aprire un cinema o una biblioteca”. Lo dirà con tutte le sue forze, fino ad ammalarsene e morire prematuramente, a soli 44 anni.

Onofri non può accettare che i suoi studenti siano descritti come una gene razione di delinquenti per forza, assuntori e spacciatori di droga, predestinati a parabole come quella del Canaro. Forse sono proprio i suoi ragazzi che una notte, all’ingresso del quartiere, tinteggiano a grandi lettere il grido di ribellione del prof: la Magliana non è il Bronx.