Metà Anni Cinquanta. Se a Pian Due Torri è ancora tutto fermo, nel quartiere Eur, sulla sponda opposta del Tevere, i lavori fremono. Nell’ex quartiere fieristico arrivano gli avveniristici grattacieli per uffici di Cesare Ligini, le eleganti palazzine residenziali della borghesia romana e i parchi curatissimi modellati da Raffaele De Vico.

Il 9 febbraio 1955 fa la prima corsa la prima linea della Metropolitana (oggi Metro B). E dalla stazione di scambio Eur-Magliana, con il treno Roma-Lido, si può persino andare al mare.

La tenuta Pian Due Torri assiste silenziosa a questi cambiamenti. L’unica novità, dal primo aprile 1956, è il passaggio del nuovo bus 96 (oggi 780) per piazza Sonnino.

Eppure, già dal finire degli anni Cinquanta, qualcosa cambia. La vita si fa improvvisamente dolce. L’economia nazionale è ripartita con slancio e si preannuncia il tempo di una crescita miracolosa. Un boom.