In que­sti gior­ni vi abbia­mo rac­con­ta­to l’aumento dei valo­ri del PM10 nell’aria e del­le misu­re di con­te­ni­men­to dispo­ste dal Comu­ne: dai con­si­gli sul cor­ret­to uso di mez­zi pub­bli­ci e impian­ti ter­mi­ci (6 dicem­bre), fino al bloc­co par­zia­le (89 dicem­bre) e tota­le del traf­fi­co (10 dicem­bre). L’allarme è giu­sti­fi­ca­to? Il PM10 ine­so­ra­bil­men­te aumen­ta? Leg­gia­mo con atten­zio­ne i nume­ri.

2015 E 2016: DUE ANNATE SIMILI Nel gra­fi­co abbia­mo con­fron­ta­to gli anda­men­ti del­la con­cen­tra­zio­ne del PM10 nel 2016 (anno cor­ren­te) e nel 2015 (lo scor­so anno). Abbia­mo anche inse­ri­to i valo­ri dei gior­ni futu­ri rela­ti­vi allo scor­so anno: l’intervallo quin­di par­te dal 28 novem­bre e fini­sce il 20 dicem­bre. In que­sto modo sare­mo in gra­do di valu­ta­re se la situa­zio­ne è peg­gio­ra­ta, e soprat­tut­to cosa ci aspet­ta.

Biso­gna ovvia­men­te fare del­le pre­mes­se. Abbia­mo fat­to un con­fron­to diret­to tra le date, ma in real­tà a date ugua­li cor­ri­spon­do gior­ni del­la set­ti­ma­na diver­si. Ad esem­pio nel 2015 il 7 dicem­bre era un mer­co­le­dì; nel 2016 è sta­to un lune­dì. Que­sto impli­ca ovvia­men­te il fat­to che sia sta­to favo­re­vo­le il clas­si­co pon­te dell’Immacolata. Le con­di­zio­ni mete­reo­lo­gi­che nel 2015 e 2016 sono sta­te qua­si iden­ti­che: a tito­lo di esem­pio ripor­tia­mo le due info­gra­fi­che che si rife­ri­sco­no all’intervallo del 1 – 7 dicem­bre:

 

 pm10_img_1  pm10_img_2

(dati Ilme​teo​.it, stes­so perio­do del 2015 e del 2016)

 

Appre­stia­mo­ci quin­di ad ana­liz­za­re il nostro gra­fi­co. La ten­den­za è nega­ti­va, nel sen­so che il PM10 spic­ca ine­so­ra­bil­men­te ver­so l’alto; l’effetto è l’immediato bloc­co del­le auto per lo sfon­da­men­to del­la soglia dei 50 μg/​m3 (linea nera).

 

pm10_img_3

 

2015 E 2016 a CONFRONTO In det­ta­glio vedia­mo il con­fron­to con lo scor­so anno. Il 2016 par­te in sor­di­na, per recu­pe­ra­re velo­ce­men­te posi­zio­ni e supe­ra il 2 dicem­bre il 2015 (52 a 48), ma dopo esse­re sta­to in testa per un altro gior­no il 3, il 2015 tor­na sal­da­men­te al coman­do il 5 dicem­bre. Il 2015 dopo il pic­co del 5 dicem­bre cono­sce una dra­sti­ca disce­sa, che coin­ci­de con un nostro peri­co­lo­so avvi­ci­na­men­to: il 7 infat­ti sia­mo peri­co­lo­sa­men­te vici­ni. Pur­trop­po il 2015 con­ti­nua a scen­de­re, men­tre il 2016 ahi­mè sale dra­sti­ca­men­te, per appro­da­re il 10 dicem­bre, sul­la cen­tra­li­na Fer­mi, a quo­ta 63!

Cosa era acca­du­to lo scor­so anno? Dal 5 è ini­zia­ta una duris­si­ma ado­zio­ne del­le tar­ghe alter­ne, che ha por­ta­to all’abbassamento del PM10 fino al crol­lo del 9 dicem­bre. È anche vero che il 7 era un lune­dì e quin­di il Pon­te dell’Immacolta ha inci­so sul­la fles­sio­ne del 2015. Dopo però (dal 9 in poi) il PM10 ha con­ti­nua­to a sali­re ine­so­ra­bil­men­te con una lie­ve per­di­ta nel 13;  la regres­sio­ne si è ini­zia­ta a regi­stra­re solo a par­ti­re dal 21 dicem­bre: la cit­tà ini­zia­va a spo­po­lar­si.

IL FUTURO Cosa pos­sia­mo aspet­tar­ci per que­sta fine d’anno? Lo scor­so anno sono sta­te adot­ta­te da subi­to del­le misu­re (tar­ghe alter­ne e suc­ces­si­vo bloc­co) che han­no com­por­ta­to un abbas­sa­men­to del PM10, men­tre nel 2016 si è adot­ta­ta la misu­ra dra­sti­ca (bloc­co auto) solo dal­la dome­ni­ca dell’11 dicem­bre. Nel 2015 tar­ghe alter­ne e bloc­co han­no otte­nu­to buo­ni effet­ti fino al 9, ma poi non han­no impe­di­to la cre­sci­ta peri­co­lo­sa del PM10. Nel 2016 par­tia­mo in net­to svan­tag­gio (sia­mo già oltre il limi­te dei 50 μg/​m3 e secon­do le serie sto­ri­che l’andamento non può che aumen­ta­re).

Rite­nia­mo che a que­sto pun­to le misu­re devo­no esse­re dure, anche se impo­po­la­ri. Ormai dob­bia­mo gesti­re l’emergenza, e quin­di con­si­glia­mo anche noi l’utilizzo di mez­zi pub­bli­ci, limi­ta­re la cir­co­la­zio­ne allo stret­to indi­spen­sa­bi­le e la dimi­nu­zio­ne dei riscal­da­men­ti. Per il futu­ro, sareb­be oppor­tu­no con­sul­ta­re le serie sto­ri­che e valu­ta­re prov­ve­di­men­ti pre­ven­ti­vi che evi­ti­no la soli­ta cor­sa alla gestio­ne del­le emer­gen­ze.

Appun­ta­men­to alla set­ti­ma pros­si­ma, per veri­fi­ca­re se la situa­zio­ne è miglio­ra­ta. Il dato è trat­to…

 

Fon­ti dati

http://​www​.arpa​la​zio​.net/​m​a​i​n​/​a​r​i​a​/​s​c​i​/​b​a​s​e​d​a​t​i​/​r​p​g​g​.​p​h​p​?​p​r​o​v​=​R​M​C​&​a​m​p​;​y​e​a​r​=​2​0​1​6​&​a​m​p​;​s​c​r​e​e​n=0

http://​www​.arpa​la​zio​.net/​m​a​i​n​/​a​r​i​a​/​s​c​i​/​b​a​s​e​d​a​t​i​/​c​h​i​m​i​c​i​/​c​h​i​m​i​c​i​.​php