Questo post è pensato come una rassegna di cronache recenti su discariche e interventi di decoro urbano.

Marconi. Nell’aprile 2022 c’è una bonifica sotto Ponte di ferro, lato Marconi. Ponte di ferro è stato investito nell’ottobre 2021 da un violento incendio, che ha provocato lo schianto sulla banchina e nel fiume della passerella pedonale che affianca il ponte. Il tratto caduto misura circa 50 metri. Rimosse le ferraglie, la banchina e la pista ciclabile sono state riaperte. Con l’occasione, un intervento straordinario dell’Ama ha raccolto dodici tonnellate di rifiuti, che nel tempo si sono accumulate lungo la Riva Marconi a ridosso della banchina.

Trullo. Nel marzo 2022 è segnalata una discarica non distante dal Cimitero della Parrocchietta, tra i piloni del cavalcavia della Portuense sopra viale Newton. L’area non è nuova agli accatastamenti di rifiuti: già nel 2019 gli operatori dell’Ama vi avevano svolto una bonifica piuttosto impegnativa, che ha portato alla raccolta di 25 tonnellate di rifiuti. Per prevenire la formazione di nuovi accumuli, è avanzaata la proposta di video-sorvegliare l’area con telecamere.

Corviale. Nel febbraio 2022 la Polizia locale ha rimosso alcuni veicoli abbandonati di fronte all’immobile ATER del Corviale, su via di Poggio verde, dove i residenti lamentano, oltre al degrado, anche una cronica carenza di parcheggi. L’Associazione Corviale Domani ha richiesto che si proceda ad un’operazione simile anche nel cosiddetto “Lato B” del Corviale, quello non in vista.

Proprio nelle aree verdi alle spalle del Serpentone, Corviale Domani e IICA (Istituto internazionale per il consumo dell’ambiente) segnalano nel marzo 2022 una estesa area di discarica. Il tutto è documentato con il sorvolo di un drone, e un video dal titolo “Il lato B di Corviale”. Tra cumuli di rifiuti e materiale edile di risulta, auto ed elettrodomestici abbandonati e lastre di amianto, sono presenti anche situazioni di disagio abitativo, con baracche e roulottes.